Il tradimento di Razzi

Ecco uno stralcio dell’interessantissima intervista, pubblicata oggi da Il Fatto Quotidiano, a Massimo Pillera, ex portavoce di Antonio Razzi, il deputato che ha lasciato l’Italia dei Valori e che si appresta a votare la fiducia al governo Berlusconi:

“Il motivo della scelta di Razzi? L’ha spiegato lui stesso il 25 novembre durante una cena a Zurigo: Angelino Alfano gli ha garantito la rielezione eFranco Frattini gli ha permesso di segnalare un nome come prossimo Console onorario di Lucerna. Per questo a Razzi conveniva appoggiare Berlusconi. Anche perché Antonio Di Pietro gli aveva già dato il benservito a causa di un processo pendente”

“All’estero c’è il sistema delle preferenze. Vuol dire che gli elettori hanno scritto il nome Razzi sulla scheda, vuol dire che chi l’ha scelto, l’ha fatto perché profondamente antiberlusconiano. Quindi c’è dietro un tradimento profondo della volontà degli elettori.”

Con un sistema elettorale basato prettamente su collegi uninominali (senza quindi il paracadute del proporzionale a garantirne una sicura elezione), Razzi, sapendo di giocarsi ogni tipo di credibilità di fronte agli elettori, sarebbe passato da uno schieramento all’altro con tanta disinvoltura?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Italia, Politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...