Come ogni altro cittadino

Da ilfattoquotidiano.it:

Il presidente del Consiglio tornerà presto nelle aule di tribunale. Con 12 voti a favore e tre contro la Consulta ha in parte bocciato e in parte interpretato la legge sul legittimo impedimento. La Corte Costituzionale ha posto diversi paletti al provvedimento nato per mettere al riparo il premier dalla ripresa dei suoi tre dibattimenti (Mills, Mediaset e Mediatrade). Saranno i giudici a decidere caso per caso se l’eventuale impedimento a comparire in udienza presentato dal premier sia valido o meno. Di fatto si torna alla situazione antecedente alla legge ad personam voluta dal centrodestra per impedire che il presidente del Consiglio e tutti i ministri venissero giudicati. Anche in Italia la legge resta uguale per tutti.

Dopo questa ennesima dimostrazione, Silvio Berlusconi accetterà di farsi giudicare come qualsiasi altro cittadino? Oppure i parlamentari di centrodestra continueranno ad arrampicarsi sugli specchi in cerca di un altro scudo per il loro datore di lavoro?

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Giustizia, Italia, Politica e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...