Il Giappone in ginocchio ed il nucleare

Da La Stampa:

Mentre il Giappone conta i morti e i danni dello tsunami scatenato dal più forte terremoto della storia del Paese, scatta l’allarme nucleare. L’Agenzia nipponica per la sicurezza nucleare ha rilevato cesio radioattivo in prossimità della centrale di Fukushima.

La fusione potrebbe essere in atto «nel reattore n1 della centrale nucleare di Fukushima», hanno riferito le autorità. La rilevazione del cesio radioattivo, annunciata dall’ Agenzia, è di solito associata con gli elementi del combustibile e rappresenta un segnale di allarme, in quanto potrebbe essere rilasciato, ad esempio, per problemi al nocciolo del reattore.

Per capire la gravità della situazione, anche sotto questo punto di vista, basta citare un’agenzia di stampa giapponese che, riportando una fonte governativa, ha parlato di un livello di radioattività addirittura di 1000 volte sopra la norma nella sala di controllo del reattore. Per contrastare questa situazione, oltremodo critica, è stato deciso di evacuare le zone vicine alla centrale, per un diametro di ben 10 chilometri, dove le misurazioni rilevano già adesso un livello di radiazioni di ben 8 volte superiore la norma, a dimostrazione del fatto che si può già parlare di una fuoriuscita di elementi radioattivi.

Tutto questo in un paese che, essendo ad alto rischio sismico, ha da sempre utilizzato le migliore tecnologie a disposizione per ovviare ad eventi catastrofici come questo. Eppure sono stati ben 11 i reattori che si sono bloccati per via del terremoto.

In Italia, dove il livello di prevenzione e le tecnologie a disposizione sono di gran lunga inferiori, si parla da tempo di un possibile ritorno al nucleare. Pochi mesi fa c’era stata anche una lunga polemica per uno spot televisivo, poi bloccato dal Giurì dell’Autodisciplina Pubblicitaria  in quanto ritenuto “comunicazione commerciale ingannevole”, con cui si voleva rilanciare il dibattito: due giocatori di scacchi, che alla fine si scoprivano gemelli, elencavano i pro ed i contro al ritorno al nucleare.

Il “gemello” favorevole all’uso dell’energia atomica assicurava, tra le altre cose, che non ci sono dubbi sulla sicurezza delle centrali. Lo spot si concludeva chiedendo allo spettatore:

Tu sei a favore o contro l’energia nucleare? O non hai ancora una posizione?

Dopo quello che è successo in Giappone, forse molti indecisi si saranno fatti un’idea sulla questione, ma probabilmente non quella auspicata dai promotori dello spot.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Economia, Italia, Mondo e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...