Risultato raggiunto

Oggi su Il Fatto Quotidiano viene raccontata la storia di Luciano Giorgi, uno dei fondatori del movimento ecologista in Friuli Venezia Giulia, che dal suo letto d’ospedale ha richiesto di essere tenuto in vita almeno fino al referendum per poter votare.

“So che non mi resta molto, ma voglio raggiungere il seggio sulle mie gambe”.

Le sue condizioni fisiche non gli hanno permesso di esaudire questo desiderio, ma Luciano ha comunque potuto votare grazie ad un seggio mobile portato direttamente in ospedale. Un amico racconta così la giornata di ieri:

“Ieri non ha voluto che in stanza vi fossero radio o tv accese. Poi sono arrivato e lui mi ha chiesto “Risultato raggiunto?” e io “Luciano, abbiamo un bel 57% del quorum sul quesito sul nucleare, siamo sulla strada giusta”.

Comunque la si pensi, che si sia favorevoli allo sviluppo del nucleare o che si voglia percorrere un’altra strada, questa resterà per tutti una grande lezione di senso civico che faremmo bene a non dimenticare mai.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Italia, Politica e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...